La colomba: storia di un uccello

Questo post si potrebbe intitolare “storia di un uccello che si trasformò in una colomba” 
e posso garantire che MAI mi sono così divertita nella preparazione di una ricetta.
Sì, perchè è stata una ricetta fatta a quattro mani, io e un’altra stordita, amica di blog, Giulia
Mai viste nè sentite per telefono, solo tante chiacchiere via internet, finchè decidiamo di cucinare qualcosa insieme. 
Ma mica una cosina da tutti i giorni, no, noi voliamo alto e quindi decidiamo per la colomba. 
Nessuna di noi due l’aveva mai fatta, e data la scarsa fiducia nelle nostre capacità l’avevamo già reintitolata “uccello” 
e non colomba, temendo un risultato disastroso.
E invece devo dire che il risultato è stato spettacolare, stupefacente, al di sopra di ogni aspettativa. 
Due colombe bellissime, una ciascuno. 
(oddio, io la sua ancora non l’ho vista, perchè l’ha portata via da casa mia ancora cruda avvolta in un sarcofago).
Saranno state le mille risate, le lacrime, i video idioti giranti durante la preparazione 
(giulia ha avuto il coraggio di pubblicarli, io no),
 la ricetta perfetta presa da qui e leggermente modificata, sarà che è stata la preparazione più divertente mai fatta, 
saranno stati tutti questi ingredienti che hanno contribuito alla perfetta riuscita della colomba!
Ecco le varie fasi con i relativi impasti: dovete iniziare la mattina e per sera la colomba sarà pronta!
Ha bisogno di almeno una giornata per essere soffice e buonissima, trovate anche ricette con le quali dovete iniziare il giorno precedente. Non cercate di accorciare i tempi: ne serve molto, ma ne vale assolutamente la pena ; )
Primo impasto
Sciogliere 20g lievito in 40ml di latte leggermente tiepido. Aggiungere i 40g di farina e impastare per pochi minuti con una spatola o forchetta. Coprire con un panno (o pellicola) e lasciar lievitare per 30 minuti in un luogo tiepido. A casa mia funziona bene far scaldare una tazza di acqua in microonde per 2 minuti, poi rimuoverla e far lievitare in microonde con sportello chiuso.
Ma potete fare lievitare in forno spento con la sola luce accesa.

Secondo impasto

Sciogliere il primo impasto in 130ml di acqua tiepida. Aggiungere i 100g di farina ed impastare a mano o con una forchetta per qualche minuto finché tutto ben amalgamato. Coprire e far lievitare per 40 minuti, ed ecco come apparirà:
Terzo impasto

Da ora in poi é necessario un’impastatrice .
Se siete coraggiosi potrete tentare a mano ma non possiamo dirvi quanta fatica farete e come (e se) verrà …
aggiungete 20g di zucchero al secondo impasto ed iniziare ad impastare su velocità medio-bassa. Aggiungere poco a poco i 100g di farina. Quando farina e zucchero saranno ben amalgamati, aggiungere i 20g di burro sempre impastando e lasciate impastare fino a quando l’impasto incorda bene e la pasta si stacca dalla ciotola. 
Coprire e far lievitare per 60 minuti, ecco come sarà:

Quarto impasto
Aggiungere 120g di zucchero al terzo impasto e impastare. Aggiungere a poco a poco i 210g di farina e le uova una alla volta. Aggiungere il sale e il cucchiaino di estratto di vaniglia. Impastare fino a che le uova non si sono assorbite. Aggiungere poi gli 80g di burro a pezzetti ed impastate fino a quando la pasta si stacca dalla ciotola e l’impasto risulta moltoooo moltooo elastico. Ci vorranno circa 40 minuti, non preoccupatevi se all’inizio sembra tutto liquido- fate lavorare impastatrice e vedrete che alla fine si assorbirà. Passat circa 40 minuti- aggiungete i canditi (tagliati moltooo piccoli) ed impastare per altri 2 minuti a velocità minima finchè la pasta si staccherà da sola 

dai bordi della macchina e avrà questo aspetto (il kitchen aid sarà piuttosto caldo, ma tranquille: non esplode!):

Coprire e lasciar lievitare in una ciotola grande
fino a quando l’impasto non avrà raddoppiato il suo volume – circa 1 ora e mezzo/ 2 ore e sarà così:

A questo punto vi restano due cose da fare: dare la forma di un uccello e glassare.
Formazione uccello/colomba

Rovesciare la pasta su una spianatoia leggermente infarinata e schiacciarla leggermente per sgonfiarla.

Dividere la pasta in due pezzi di cui uno un poco più grosso della metà. 
La parte più grande servirà per il corpo, la parte rimanente dovrà essere divisa in due e servirà per le ali. Appiattire un pochino ancora il corpo, piegarlo su se stesso due volte e poi arrotolarlo su se stessa fino a formare una “baguette”. 
Cercate di fare la pancia più grossa della testa e della coda.
Posizionate il corpo nel pirottino e usate lo stesso procedimento per formare le due ali. 
Posizionate anche queste nel pirottino, dopodichè mettete a lievitare la colomba ancora un’oretta 
o fino a quando arriva più o meno a un dito dal bordo del pirottino.


Glassa
Mentre lievita l’ultima volta, preparate la glassa. 

Sempre nel’l impastatrice, amalgamare 4 albumi con 125g di farina di mandorle, 
225g di zucchero e 25g di fecole di patate. 
Terminata la lievitazione finale, usando una spatola ricoprite la colomba di glassa, facendo attenzione a non premere troppo sulla colomba per non sgonfiarla. Aggiungere le mandorle, la granella di zucchero e
 finalmente è pronta per essere infornata!
a 170-180°C per circa 45-50 minuti. 
Una volta sfornata, lasciate raffreddare per circa 10 minuti e mettete a raffreddare a testa in giu: 
utilizzando dei ferri da maglia trapassatela da un lato all’altro a 2 cm circa dal fondo e poi appoggiateli su due sedie,
di modo che la colomba rimanga sollevata a testa in giù (questo farà si che la colomba non si sgonfi per la forza di gravità ).

grazie Giulia, è stata una giornata divertentissima ; )

Condividi

Commenti

10 commenti su "La colomba: storia di un uccello"

il 4 Aprile 2012 alle 09:28
Debora ha scritto:

ma daiiii ma quanto vi siete divertite??? ufff… invidiaaa!! e che colomba da lode! bravissime!!!

il 4 Aprile 2012 alle 09:02
Love at first bite! ha scritto:

ma quanto ti adoroooooooooooo!!!!!!!! grazie milllisssime e prossimo appuntamento : panettone … no dobbiamo rivedeerci prima 🙂

il 4 Aprile 2012 alle 09:38
Gabri ha scritto:

…noooooo!! Invidia anch'io!!! =D Ma che bella, ti è venuta benissimo!!! Io inizio oggi con i rinfresci del lievito madre che sono riuscita pelo pelo a resuscitare…. :> Io però sarò sola soletta…speriamo di divertirmi come te!! ;D Baci!!

il 4 Aprile 2012 alle 09:36
''Cucina di Barbara'' ha scritto:

Devo dire, mio malgrado, che è come quella della pasticceria che ti avrei consigliato! oggi vi meritate un 10 entrambe! 🙂

sempre nei tuoi pensieri,
b.

il 4 Aprile 2012 alle 16:02

uuuuhhh! che brave! tanti complimenti questa colomba e' uno spettacolo !
ciao
Valeria

il 4 Aprile 2012 alle 16:16
patatina ha scritto:

ero appena passata da giulia…e brava anche a te! 😉

il 7 Aprile 2012 alle 13:31
sississima ha scritto:

bella! Buona Pasqua, SILVIA

il 15 Aprile 2012 alle 11:40
pips ha scritto:

ti è venuta benissimo!

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato