Pane “fast & furious” per rimediare la cena

Mhh, oggi vado a fare la spesa. Non che serva qualcosa in particolare, ma confesso che ho completato la tessera per quegli adorabili/mostruosi pupazzi di peluche che devo “consegnare” a Babbo Natale, quindi mi tocca. Compro un po’ di prosciutto così faccio felice il piccoletto che altrimenti continua nel suo digiuno eucaristico (si fa per dire, diciamo che è uno stile di vita il suo) e riempio la pancia la più grandino che è un barile senza fondo (e per fortuna che cresce alla velocità della luce, altrimenti potrebbe rotolare come una palla per quanto mangia). E in tutta questa spesa che pare “la festa del maiale” non vogliamo accontentare Mr. Cookie? e vai di mortazza, coppa e crudo per vederlo sorridere al rientro dal lavoro, famelico come non mai davanti al frigo aperto alla ricerca di qualche cadavere da addentare.
Ecco, torno a casa, sistemo tutto, sono a posto, finisco di scrivere quel post in sospeso e poi si può cenare. Certo, se non fosse che l’Alzheimer incalzante mi ha aiutata a dimenticare il pane. Accidenti, tutta ‘sta roba da mangiare e non ho pane. Scorte surgelate? ma nemmeno a parlarne. Il mio freezer al momento pullula di ghiaccio (manco preparassi cocktail tutte le sere), verdure di ogni foggia e gelato (siamo a Novembre, lo so, ma la gola funziona anche nei mesi invernali, mica va in letargo).
E quindi come si rimedia? Facendo il pane. Con questa ricetta, di cui purtroppo non ho la paternità, che gira in rete da anni e anni e che avrete tutti provato almeno una volta, ma che è la mia preferita perchè sforna un pane facilissimo e velocissimo da fare e buonissimo da mangiare.
Io lo chiamo pane “fast and furious“!

Ingredienti per 2 filoni:
500gr di
farina 00
370gr di
acqua tiepida
1/2
cubetto di lievito di birra fresco
1 e 1/2
cucchiaini di sale
1
cucchiaino di miele
Prendere una parte di acqua tiepida e scioglierci il lievito con il miele. In
una ciotola mettere la farina emescolando con una forchetta, aggiungere l’acqua
col lievito e il resto dell’acqua. Aggiungere il sale come ultimo ingrediente.
Coprire l’impasto con molta farina e metterlo coperto a lievitare per 2 ore
circa. Non vi spaventate per la consistenza olliccia, deve essere proprio così.
Prendere una teglia da forno e coprirla con carta da forno infarinata,
dopodichè stare molto attenti e con una spatola spostare l’impasto sulla teglia
lasciando la parte superiore rivolta verso l’alto. E’ un’operazione un po’
complicata, ma ne vale la pena ; ) Mi raccomando: la parte infarinata deve
restare in superficie e non andare sotto. Con un leccapemtola dividete in due
parti l’impasto per formare due filoni senza schiacciarlo. Cuocere in forno
ventilato a 230° per circa 30 minuti.

Condividi

Commenti

5 commenti su "Pane “fast & furious” per rimediare la cena"

il 28 novembre 2012 alle 17:38
Erica ha scritto:

eheh anche io lo faccio così il pane! mi hai fatto morire quando dici "famelico come non mai davanti al frigo aperto alla ricerca di qualche cadavere da addentare" ahahahahahahah

il 28 novembre 2012 alle 21:49
giuliaw ha scritto:

immagino quanto tu sia stata contenta a comprare gli ingredienti per "la festa del maiale" ahahahahaha :p bisous

il 30 novembre 2012 alle 05:51
ann@... ha scritto:

mi piace, ""fast and furious"- ne so qualcosa, il mio pane è quasi sempre così… lo rende leggero, e perfetto in un momento di crisi…
perchè secondo me, senza il pane a tavola, il companatico si intristisce ^_^
ciaoo

il 30 novembre 2012 alle 14:21
Gabri ha scritto:

Lo faccio spesso anch'io! Li formo tipo "ciabatte", più piccole, il maritozzo li adora farciti con tutte le golosità possibili… 🙂 Buoni buoni! P.S. ho anch'io ancora 2 confezioni di gelato di soia che stazionano nel freezer…secondo te ci arriva alla prossima estate?? ^_^

il 3 dicembre 2012 alle 15:10
sississima ha scritto:

fortissimo questo post, guarda che io questa ricetta di pane non la conoscevo, la proverò, un abbraccio SILVIA

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

©copyright 2017 cucchiaiodistelle.com powered by Netzsite