couscous (fino alle lacrime)

ciao. In queste giornate primaverili di pioggia incessante, viene voglia di cotechino e lenticchie, di pasta e fagioli, di cioccolata calda, e….poi uno guarda il calendario e si accorge che siamo a giugno inoltrato. I bambini si fa fatica a tenerli in casa, vorrebbero uscire a sfogarsi ma è impossibile, e allora almeno io mi sfogo in cucina con il couscous, che mi piace tantissimo, soprattutto se è piccante così tanto da farmi lacrimare gli occhi! Quello di oggi è preparato con gamberi, pomodori, zafferano e zucchine.
ingredienti:
dipende tutto dal numero di ospiti. Io scrivo la dose per 1 persona,così è più facile:
1 zucchina grossa e molto lunga
8 gamberi o mazzancolle
1 pomodoro grande 
1 porro piccolo
un pugnetto di cous cous
una punta di zafferano
mezzo cucchiaino di aromi per curry indiano
olio al peperoncino (se piace)
pepe
La zucchina serve lunga perchè per questo piatto mi piace tagliarla a bastoncini, piuttosto largi e lunghi quanto un mignolo. Io la cuocio prima al vapore ma non completamente, la lascio con l’anima ancora molto cruda. Il pomodoro l’ho solo sbollentato per “svestirlo”. In un pentolino fate cuocere il couscous. In un’altra padellina fate rosolare un pochino di olio, acqua e un porro. Poi aggiungete la zucchina a bastoncini, il pomodoro e i gamberi, bagnate con un pochino di brandy (io disolito faccio fare una bella fiammata per l’effetto flambè, molto scenografico e gradito ai bambini : ) e fate cuocere per 5 minuti.
In una tazzina mescolate 4 cucchiai di acqua calda, zafferano, spezie per curry, pepe (se amate il piccante fino alle lacrime come me abbondate anche di peperoncino, altrimenti no). Versate nella padella dei gamberi il couscous e subito rovesciateci sopra il contenuto della tazzina. Fate cuocere mescolando bene ancora 2 minuti finchè il cous cous prende un bel colorino giallo (io lascio le zucchine croccanti sotto i denti). Aggiungete a crudo un goccio di olio piccante se vi piace il gusto. Potete servire nel piatto mescolando il tutto oppure procedere come me a strati, preparando un fondo di cous cous e poi il resto, mantenendo tutto separato. 

Ecco, nella speranza di veder spuntare il sole, e di poter cucinare ricette più adatte alla stagione, vi dico ciao e vi aspetto qui.

Condividi

Commenti

Un commento su "couscous (fino alle lacrime)"

il 13 giugno 2011 alle 14:42
Olga ha scritto:

Bellissima ricetta!!! un bacione

Lascia una risposta a Olga ( Annulla )

Il tuo indirizzo mail non verrà pubblicato

©copyright 2017 cucchiaiodistelle.com powered by Netzsite